FORMAZIONE. CROCETTA:”GLI ENTI DEVONO ASSUMERE I LAVORATORI DALL’ALBO”

Palermo, 27 feb. 2017 - Le recenti notizie relative ad alcuni enti di formazione che stanno assumendo lavoratori al di fuori dell’albo dei formatori, hanno determinato una presa di posizione netta da parte del presidente Crocetta.
“Non siamo disponibili ad accettare questo comportamento irresponsabile degli enti. C’è un albo dei formatori e da esso bisogna attingere per reclutare il personale. Non si possono utilizzare scappatoie false per lasciare disoccupati
gli attuali formatori ed assumerne alti. Voglio ricordare a questi enti che, sulla base del mio decreto presidenziale del 2015, in Sicilia vige l’obbligo di assumere i formatori dallo specifico albo e che gli enti che non rispettano tale prescrizione, rischiano il disaccreditamento. Coloro che condividevano quel decreto, potevano impugnarlo nei due mesi successivi alla sua pubblicazione. Voglio specificare, inoltre, che i nuovi bandi pubblicati per i corsi di formazione prevedono l’obbligo di assunzione dal bacino. In pratica, se gli gli enti non rispettano tale clausola, rischiano concretamente il disaccreditamento. L’assessorato alla formazione sta facendo le opportune verifiche e su questo fronte non ci saranno sconti per nessuno”.

Read more »

TERREMOTO DI MAGNITUDO 4.0 ALLE 7,20 TRA LA COSTA MESSINESE E LE ISOLE EOLIE

27/02/2017 – Una scossa di terremoto di intensità 4.0 della scala Richter è stata registrata alle ore 7,20 nell’area sismica Sicilia settentrionale, nella zona Isole Eolie (Messina) il 27-02-2017 alle ore 7:20:00 (UTC +01:00) ora italiana, con epicentro a Lipari. La scossa è stata avvertita dalla popolazione pure a Gioiosa Marea, Patti, Brolo, Gliaca di Piraino e Tindari, sulla costa tirrenica messinese, ma non ha prodotto danni di alcuna natura. Il sisma è stato registrato dallaSala Operativa INGV-OE (Catania).

Il terremoto di magnitudo ML 4.0 è avvenuto nella provincia/zona Isole Eolie (Messina) con coordinate geografiche (lat, lon) 38.38, 14.77 ad una profondità di 12 km.

I Comuni entro 20 km dall'epicentro sono (le distanze sono calcolate in base alle coordinate geografiche del Municipio (Istat 2011):

Lipari ME 19 11642 11642
Leni ME 20 702 12344

Una seconda scossa di terremoto di magnitudo M 3.6 è stata registrata nella zona Costa Siciliana nord orientale (Messina) il alle 07:21:33 (UTC +01:00) ora italiana con coordinate geografiche (lat, lon) 38.36, 14.75 ad una profondità di 12 km.

Read more »

PRECARI, CROCETTA: ABBIAMO FATTO UNA BUONA LEGGE, NON È UN FAVORE CHE CI VIENE CONCESSO

Precari, lettera aperta all'assessore all'Economia, Alessandro Baccei, e p.c. al Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni; Al Sottosegretario agli affari regionali e le autonomie, Gianclaudio Bressa; Al Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, politiche per la Famiglia, Enrico Costa

Palermo, 24/02/2017 - Caro Alessandro, l'altro ieri mi hai telefonato da Roma per dirmi che il governo non avrebbe impugnato la norma regionale sui precari e che occorreva, prima di procedere alla stabilizzazione, attendere il completamento dell'iter normativo nazionale. In una nota di ieri, il sottosegretario Faraone afferma “il governo non
impugna la norma regionale sul precariato, adesso la regione proceda a stabilizzare immediatamente i precari”. A parte la ovvia considerazione, che il governo non ci abbia fatto un favore nel non impugnare una norma, come sembrerebbe ipotizzare il sottosegretario anche perchè, in tal caso, potremmo sospettare che le impugnative del passato siano state determinate, non da scelte tecniche oggettive, ma da scelte politiche – cosa che mi rifiuto di pensare.

Se il governo non impugna la norma, dunque, vuol dire che abbiamo fatto una
buona legge sui precari. Non è un favore che ci viene concesso da alcuno.

A questo punto è necessaria un'azione di chiarezza istituzionale e politica.
Hai ragione tu, quando l'altro ieri mi hai comunicato che il sottosegretario
Bressa poneva la necessità di attendere per la stabilizzazione del precariato,
il completamento dell'iter normativo – un rinvio in sostanza di qualche mese -
oppure ha ragione Faraone affermando che si può immediatamente procedere alle
assunzioni? Trovo singolare che il sottosegretario competente, Bressa, affermi
una cosa e che il sottosegretario alla Salute, che non ha alcuna competenza in
merito, affermi esattamente il contrario.

Ritengo necessario che tu dica ai siciliani come stanno le cose. Tale
precisazione è necessaria, sul piano politico, in considerazione del fatto che
è stato proprio Faraone, a proporti come assessore nell'ultimo rimpasto di
governo. Chiedo al Governo Nazionale di chiarire con una nota ufficiale, quale sia la
posizione effettiva, perché capisco che siamo nella terra di Pirandello, ma non
può essere assolutamente accettabile che le Istituzioni abbiano diverse verità.

Rosario Crocetta

Read more »

SCALA DEI TURCHI: È LA FERRITINA PROVENIENTE DAL DILAVAMENTO DEI TERRENI CIRCOSTANTI LA RESPONSABILE

Nel comune di Realmonte il rinvenimento, avvenuto nei giorni scorsi, di materiale composito di natura ferrosa. Oltre al Presidente della Commissione Ambiente e Territorio del Senato, Sen.
Giuseppe Marinello, erano presenti il Prefetto di Agrigento Nicola
Diomede, il comandante del RAM, il comandante e gli uomini della Guardia Costiera di Porto Empedocle, e tecnici
dell’ARPA. Esclusa la presenza di alghe rosse che possano aver rilasciato sostanze sulla spiaggia
interessate. Il fenomeno è da attribuire alla ferritina proveniente dal dilavamento dei terreni circostanti

Sciacca 25 febbraio 2017 - E’ stato effettuato questa mattina un sopralluogo lungo il tratto di arenile in prossimità della Scala dei Turchi nel comune di Realmonte, per verificare il rinvenimento, avvenuto nei giorni scorsi, di materiale composito di natura ferrosa. Oltre al Presidente della Commissione Ambiente e Territorio del Senato, Sen. Giuseppe Marinello erano presenti sua Eccellenza il Prefetto di Agrigento Nicola Diomede, il comandante del RAM, il comandante e gli uomini della Guardia Costiera, capitaneria di Porto Empedocle, il comandante provinciale dei Carabinieri e tecnici dell’ARPA.
Esclusa la presenza di alghe rosse che possano aver rilasciato sostanze sulla spiaggia
interessate;
Escluso anche che il materiale ferroso possa derivare da attività illecite.
Il fenomeno invece è da attribuire alla ferritina proveniente dal dilavamento dei
terreni circostanti, quindi di un fenomeno naturale dovuto alle forti precipitazioni
atmosferiche, come già accaduto nel 2013. A riprova di ciò, oggi l’arenile interessato
non presentava alcun segno di inquinamento.

“Si potrebbe affermare che è stato fatto molto rumore per nulla. La nota positiva è
che la risonanza mediatica di un possibile inquinamento di quel tratto di costa
agrigentina ed in particolare della Scala dei Turchi dimostra che c’è un interesse
verso il sito che va oltre i confini regionali. Possiamo assicurare che la nostra
attenzione, mia, di tutte le istituzioni e degli uomini della Guardia Costiera di Porto
Empedocle rimane alta e con la collaborazione di tutti mira alla salvaguardia di un
patrimonio naturalistico unico nel suo genere”

Read more »

VITALIZI IN SICILIA: GILETTI OSPITA CROCETTA E SCATENA LE IRE DI ARDIZZONE CHE QUERELA GILETTI (?)


L’Arena di Giletti torna su ‘Il partito dei vitalizi’, opsite in studio Rosario Crocetta, presidente della Regione Siciliana: “I vitalizi vanno aboliti, ma il paradosso sapete qual è? Che io non ho una maggioranza per presentare una riforma...”

Roma, 26/02/2017 – L’Arena di Giletti torna su ‘Il partito dei vitalizi’. La scorsa puntata, domenica 19 febbraio, le polemiche non sono mancate, ed oggi la presenza in studio di Rosario Crocetta, presidente della Regione Siciliana, non promette di meglio.
Massimo Giletti esordisce con una presentazione di Crocetta che risale alla sua elezione alla carica di sindaco di Gela e a certe confidenze che un alta carica dei Carabinieri gli fece a proposito dei pessimi rapporti intercorrenti tra Crocetta e un personaggio di spicco della mafia di Gela e siciliana.

Massimo Giletti: “… vi voglio presentare il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, che è venuto a trovarci. La scorsa puntata la faccenda vitalizi ha sollevato molte polemiche ed io oggi risponderò pure al presidente dell'Assemblea Siciliana Giovanni Ardizzone che mi ha scritto, ha detto delle cose e gli risponderò... Ma la cosa che voglio dire a proposito del governatore Crocetta è che quando venne nominato sindaco a Gela (io lo so perché me l’ha detto un alto ufficiale dei Carabinieri) ricevette (il suo avvocato) una telefonata da un noto personaggio di spicco della mafia che tra l’altro si presentò con nome e cognome, e disse "quest’uomo vuole fare la lotta alla mafia"… Ma prima devo fare un passo indietro. La scorsa puntata abbiamo detto che la Sicilia ha un’alta quota di bilancio per pagare i vitalizi degli ex consiglieri regionali. La politica di oggi ha recepito le istanze della gente e i vitalizi sono stati sospesi. La domanda però è questa: come fa una Regione a spendere 18 milioni di euro per pagare i vitalizi, di cui 11 vanno a consiglieri in carica, ma 7 vanno agli eredi. Abbiamo scoperto anche figli di onorevoli che erano stati in carica col Partito Monarchico. Per il solo fatto di essere celibi pigliavano il vitalizio e lo pigliano ancora oggi. Sette milioni di euro in Sicilia...".

Ed ancora Giletti: "Il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, mi ha contestato. Mi ha detto che siamo faziosi, che parliamo sempre di Sicilia (libertà di opinione, presidente). Forse lei non la vede sempre l’Arena, ma noi abbiamo parlato del Lazio, della Valle d’Aosta, della Sardegna, della Lombardia, abbiamo parlato di tutte le regioni d’Italia… Lei dice “perché non fa queste domande”? Ma venga qua presidente, le faccia lei… Sarebbe molto più giusto. In fondo io l’ho inviata tante volte, ma lei non ha mai voluto partecipare. Libertà anche sua di non partecipare. Ma oggi lei mi dà una possibilità. Perché lei ha detto “io vengo se ci sono il presidente del Senato, Grasso, il presidente della Camera, Boldrini, e altri presidenti di Consiglio assembleare. Allora oggi il presidente Grasso e la Boldrini hanno da me l’invito. Vogliamo tirare fuori le persone che non si vogliono occupare? Vi aspetto qua. Sennò chiamerò Trump, chiamerò Putin e forse troverò qualcuno che si degna di venire …. Io averei una domanda da farle, una sola: come mai l’Assemblea regionale che lei rappresenta cosa 155 milioni all’anno, mentre l'assemblea regionale lombarda costa 68 milioni di euro? Cioè più del doppio? Io questo vorrei chiederle. Sarei compiaciuto di potere ascoltare la sua risposta, perché poi alla fine contano i fatti"...

Presidente Crocetta: “Guardi io ho trovato un consuntivo di – 2 miliardi. Quando tu trovi un bilancio spaventoso di questo tipo, la prima cosa che ti poni è quanti giorni durerai a fare il presidente della Regione, senza che il mese prossimo non possa più pagare. La formazione professionale è costata 350 milioni di euro l’anno avendo 12mila formatori. Cioè noi avevamo più formatori che formati. Tra i formatori avevamo gente che aveva la quinta elementare e doveva fare i corsi di formazione agli altri. Che fai? Allora cominci: “Quel cornuto di Crocetta che taglia i posti di lavoro, eccetera". Licenzio 600 soggetti, di cui un centinaio con associazione di stampo mafioso, condannati. E ovviamente, per questo, a Palermo io sono ‘u cuinnutu di Crocetta (il cornuto di Crocetta, ndr)”…

Presidente Crocetta: “I vitalizi vanno aboliti, ma il paradosso sapete qual è? Che io non ho una maggioranza, da presidente della Regione Siciliana non ho i titoli, secondo il regolamento della Regione Siciliana, per presentare una riforma del vitalizio e di tutto ciò che riguarda la vita del Parlamento...”.

Read more »

CHIEDEVANO IL PIZZO A DUE IMPRENDITORI DI PATTI A BROLO: 3 ARRESTI

L’indagine ha tratto spunto dall’arresto di Saverio Giuseppe Baratta operato dai Carabinieri della Compagnia di Patti qualche tempo prima per il reato di tentata estorsione commesso a Brolo ai danni di un’impresa edile. Baratta e Coletta erano già coinvolti in alcune operazioni antimafia condotte dai Carabinieri nei confronti di clan tortoriciani nelle operazioni “Romanza” e “Icaro”. Una serie di reati estorsivi posti in essere ai danni di imprenditori e commercianti di Patti a Brolo.

Messina, 25 febbraio 2017 - I Carabinieri della Compagnia di Patti, in attuazione di ordini di esecuzione per la carcerazione, emessi dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso la Corte D’Appello di Messina, nella tarda serata di ieri hanno tratto in arresto BARATTA Saverio Giuseppe, cl.1970, di Brolo, COLETTA Marcello, cl.1978, di Gioiosa Marea e PAPA Francesco, cl.1976, di Piraino, tutti e tre pluripregiudicati. I tre sono stati condannati per aver commesso estorsioni, in concorso tra loro, aggravate dal metodo mafioso, effettuate tra il 2003 e il 2006 nei confronti di alcuni imprenditori dell'area dei Nebrodi. Il COLETTA è stato rintracciato dai militari dell’Arma presso la propria abitazione, mentre BARATTA e PAPA, che si trovavano dapprima ricoverati presso il Reparto di Psichiatria dell’Ospedale Barone-Romeo di Patti, sono stati dimessi dall’Ospedale e immediatamente arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Patti.

I provvedimenti eseguiti sono frutto di un’attività investigativa iniziata nel 2005 e condotta da Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Patti e della Stazione di Gioiosa Marea, proseguita fino al 2006 con pedinamenti, intercettazioni ambientali e telefoniche, che ha permesso di accertare come i tre arrestati avessero preso di mira i titolari di due imprese di costruzioni edili di Patti e Brolo. Nel corso delle indagini gli inquirenti hanno accertato che Baratta, Coletta e Papa, in concorso tra loro, con violenza e minaccia, avrebbero costretto un imprenditore edile impegnato nell’ambito dei lavori di rifacimento tra Gioiosa Marea e Brolo, a versare circa 2000 euro. Secondo gli investigatori i tre avrebbero anche cercato di intimidire la vittima proclamando la loro presunta appartenenza a un clan mafioso.

L’indagine ha tratto spunto dall’arresto di Saverio Giuseppe Baratta operato dai Carabinieri della Compagnia di Patti qualche tempo prima per il reato di tentata estorsione commesso a Brolo ai danni di un’impresa edile. Baratta e Coletta erano già coinvolti in alcune operazioni antimafia condotte dai Carabinieri nei confronti di clan tortoriciani nelle operazioni “Romanza” e “Icaro”, in quanto ritenuti organici al gruppo criminale e autori di una serie di reati estorsivi posti in essere ai danni di imprenditori e commercianti operanti nella fascia della Sicilia tirrenica da Patti a Brolo.

L’attività investigativa condotta dai Carabinieri della Compagnia di Patti, diretti all’epoca dell’indagine dalla Procura Distrettuale Antimafia di Messina, faceva emergere come , nonostante la carcerazione e le prescrizioni imposte dalle misure di prevenzione cui erano stati sottoposti, una volta liberi Baratta e Coletta avrebbero immediatamente ripreso a delinquere, con il concorso di Francesco Papa. Una volta contattato l’imprenditore di turno, i tre avanzavano subito richieste estorsive cospicue, che dinanzi alle difficoltà di pagamento mostrate dalla vittima, tendevano poi ad abbassarsi di livello.

Nel corso dell’indagine, sarebbe anche emersa la procedura della falsa fatturazione effettuata dall’estorsore per far risultare l’erogazione di prestazioni, mai eseguite, a favore della vittima, a copertura delle somme illecitamente acquisite. I tre arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati tradotti presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto dove dovranno espiare rispettivamente: BARATTA Saverio Giuseppe 5 anni e 6 mesi di reclusione, COLETTA Marcello 5 anni e 4 mesi di reclusione e PAPA Francesco 3 anni e 6 mesi di reclusione.

Read more »

CROCETTA INCONTRA I SOSTENITORI DEL MOVIMENTO #RIPARTESICILIA

Palermo, 25 febbraio 2017 - Questo pomeriggio alle ore 18,00 in Via Faraone 2, (Palermo) presso Villa Alliata, il presidente Crocetta incontrerà amici e sostenitori del movimento #Riparte Sicilia. Con una conferenza stampa, il presidente Rosario Crocetta, ha ha inaugurato nei giorni scorsi il primo circolo di #RiparteSicilia, in via Mariano Stabile 171. Una rete di movimenti che puntano alla difesa dell'autonomia e dell'identità siciliana, in termini democratici e progressisti. "Il movimento non vuole essere un altro partito, - dice Crocetta - ma qualcosa che parte dal basso con un concetto di democrazia fortemente partecipata e decentrata".
Le linee esplicative del movimento saranno illustrate ancora oggi alle ore 18,00 in Via Faraone 2, (Palermo) presso Villa Alliata.

Read more »

CITTÀ METROPOLITANE E LIBERI CONSORZI VERSO ACCORDO PER OLTRE 100 MILIONI

Sicilia. per città metropolitane e liberi consorzi
Palermo, 23 feb. 2017 - “Dopo anni di tagli, si va verso l'accordo per oltre 100milioni di euro da destinare alle città metropolitane e ai liberi consorzi.
I cento milioni sono all'interno di un accordo più ampio con lo Stato, che porterà alla revisione delle norme di attuazione sull'Iva”. Lo dicono il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta e l'assessore all'Economia, Alessandro Baccei. La giunta regionale ha deliberato con l'esercizio
provvisorio, che dovrà essere approvato definitivamente dall'Ars, l'istituzione di un fondo regionale per la disabilità favore di disabili gravissimi. Il fondo, in esercizio provvisorio, sarà di 16 milioni ma le previsioni della giunta sono di almeno 36milioni con l'approvazione della finanziaria. Ciascun soggetto, sulla base del piano individuale di assistenza, riceverà un contributo medio di 10 mila euro l'anno.

Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, facente funzione dell'assessore per la famiglia, le politiche sociali e il lavoro, al fine di definire una proposta di intervento intersettoriale e
programmatico finalizzato all'integrazione socio-assistenziale e alla
programmazione integrata degli interventi rivolti alle persone con disabilità
della Regione Sicilia, ritiene indispensabile istituire una struttura di
coordinamento i cui componenti siano rappresentativi di differenti competenze e
professionalità appartenenti sia ai diversi rami dell'Amministrazione
regionale, sia al mondo delle disabilità. Tale struttura svolgerà il compito di
elaborare e definire con tempestività, e comunque non oltre un mese dal suo
insediamento, una proposta tecnica di piano a breve e medio tempo realizzabile
in via amministrativa, tenuto conto delle risorse economiche immediatamente
disponibili nel bilancio della Regione siciliana, nonché di predisporre una
proposta per il medio e lungo periodo, mirante alla risoluzione delle
problematiche afferenti il mondo delle diverse abilità in Sicilia anche
attraverso la formulazione di proposte e interventi normativi.

La Cabina di Regia per la disabilità è istituita con effetto immediato presso
l'Assessorato regionale per la famiglia, le politiche sociali e il lavoro, ed è
composta da:

Assessore regionale per la famiglia, le politiche sociali e il lavoro o suo
delegato, che la presiede;
dal dott. Giovanni Cupidi, Vicepresidente dell'Associazione Insieme per
l'Autismo Onlus, che ne coordina i lavori;
un componente designato dall'Assessore regionale per la salute in
rappresentanza dell'assessorato;
due componenti designati dall'Assessore regionale per la famiglia, le
politiche sociali e il lavoro di cui uno in rappresentanza del Dipartimento regionale della famiglia, delle politiche sociali ed uno in rappresentanza del Dipartimento regionale del
lavoro, dell'impiego, dell'orientamento dei servizi e delle attività formative;

un componente designato dall'Assessore regionale dell'economia in
rappresentanza dell'assessorato;
un rappresentante dell'ufficio legislativo e legale della Presidenza della
Regione;
un rappresentante del Dipartimento regionale delle autonomie locali;
il Garante per la disabilità.
La partecipazione ai lavori della Cabina di Regia avverrà a titolo gratuito e
non darà diritto alla corresponsione di alcun compenso e/o rimborso spese.

Read more »

DISABILI SICILIA: ISTITUITA CABINA DI REGIA, ENTRO UN MESE PROPOSTA  TECNICA


La giunta regionale ha deliberato con l'esercizio provvisorio, che dovrà essere approvato definitivamente dall'Ars, l'istituzione
di un fondo regionale per la disabilità favore di disabili gravissimi. Il fondo, in esercizio provvisorio, sarà di 16 milioni ma le previsioni della giunta sono di almeno 36milioni con l'approvazione della finanziaria. Ciascun soggetto, sulla base del piano individuale di assistenza, riceverà un contributo medio di 10 mila euro l'anno.Istituita Cabina di regia sulla disabilità, entro un mese proposta tecnica di piano a breve e medio tempo realizzabile in via amministrativa


Palermo, 23 feb. Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta,
facente funzione dell'assessore per la famiglia, le politiche sociali e il
lavoro, al fine di definire una proposta di intervento intersettoriale e programmatico finalizzato all'integrazione socio-assistenziale e alla programmazione integrata degli interventi rivolti alle persone con disabilità della Regione Sicilia, ritiene indispensabile istituire una struttura di coordinamento i cui componenti siano rappresentativi di differenti competenze e professionalità appartenenti sia ai diversi rami dell'Amministrazione
regionale, sia al mondo delle disabilità. Tale struttura svolgerà il compito di elaborare e definire con tempestività, e comunque non oltre un mese dal suo insediamento, una proposta tecnica di piano a breve e medio tempo realizzabile in via amministrativa, tenuto conto delle risorse economiche immediatamente disponibili nel bilancio della Regione siciliana, nonché di predisporre una
proposta per il medio e lungo periodo, mirante alla risoluzione delle problematiche afferenti il mondo delle diverse abilità in Sicilia anche attraverso la formulazione di proposte e interventi normativi.

La Cabina di Regia per la disabilità è istituita con effetto immediato presso
l'Assessorato regionale per la famiglia, le politiche sociali e il lavoro, ed è
composta da:

Assessore regionale per la famiglia, le politiche sociali e il lavoro o suo
delegato, che la presiede;

dal dott. Giovanni Cupidi, Vicepresidente dell'Associazione Insieme per
l'Autismo Onlus, che ne coordina i lavori;
un componente designato dall'Assessore regionale per la salute in
rappresentanza dell'assessorato;
due componenti designati dall'Assessore regionale per la famiglia, le
politiche sociali e il lavoro di cui
uno in rappresentanza del Dipartimento regionale della famiglia, delle
politiche sociali ed uno in rappresentanza del Dipartimento regionale del
lavoro, dell'impiego, dell'orientamento dei servizi e delle attività formative;

un componente designato dall'Assessore regionale dell'economia in
rappresentanza dell'assessorato;
un rappresentante dell'ufficio legislativo e legale della Presidenza della
Regione;
un rappresentante del Dipartimento regionale delle autonomie locali;
il Garante per la disabilità.

La partecipazione ai lavori della Cabina di Regia avverrà a titolo gratuito e
non darà diritto alla corresponsione di alcun compenso e/o rimborso spese.

Read more »

“PLACENTA”: ECCO L’ALBUM DI ESORDIO DELLA BAND MESSINESE BASILISCUS P


Si chiama Placenta ed è l’album di esordio della band messinese Basiliscus P, che uscirà il 1 aprile.
Messina, 25 febbraio 2017 - Il gruppo, che è composto da Marco (basso, voce), Federica (chitarra) e Luca (batteria), nasce nel 2011 con l’obiettivo di creare un sound che racchiuda le passioni musicali dei componenti della band, spaziando dal rock più progressivo e psichedelico degli anni '70, fino alla ruvidezza degli anni '90, con qualche affascinante sfumatura jazz. Placenta è il frutto di questo interessante e particolare lavoro di ricerca musicale che i tre musicisti hanno compiuto in questi anni, creando uno stile molto personale e riconoscibile al primo ascolto, che sintetizza sonorità noise, stoner, math rock e psychedelic. I componenti del gruppo spiegano: “La parola placenta rappresenta al meglio il risultato del nostro lavoro essendo anche la nostra prima creatura musicale. Inoltre, ci piace molto il suono di questa parola”.
Il primo album dei Basiliscus P, che è stato autoprodotto, si compone di 9 brani inediti, divisi in pillole e lunghe suite. E’ stato registrato nel settembre 2015 nei Dalek Studio di Messina.
A inizio 2016, il lavoro viene ultimato ai Ludnica Studio, dove viene effettuato il master per mano di Ottavio Leo, rigorosamente su nastro. Questo lavoro verrà ufficialmente presentato il 1 aprile in concerto al Retronouveau di Messina.
La band comunicherà a breve i canali di acquisto di Placenta, che è stato realizzato solo in vinile.

Per maggiori informazioni: www.basiliscusp.com

Read more »

DISABILITÀ GRAVISSIMA, CROCETTA: “IN CASI COME QUESTO I SOLDI VANNO TROVATI”

Lettera aperta all'assessore all'Economia Alessandro Baccei sul tema della disabilità gravissima
Palermo, 24/02/2017 - Caro Alessandro, ho apprezzato nella lunga seduta di giunta di ieri, sulla base della mia pressante richiesta, l'inserimento all'interno dell'esercizio provvisorio di una norma per l'assegnazione di un bonus a favore dei soggetti con disabilità gravissima, per integrare le attuali forme di assistenza affidate alle Asp e agli Enti Locali, con un assegno medio di diecimila euro annui per garantire a tali soggetti la libertà di scelta.

Avevo stimato in non meno di 36milioni di euro la cifra necessaria. Ovviamente
per trovare tali risorse occorre un'analisi dettagliata del bilancio. Ieri non
avevamo il tempo per fare tale analisi, avevamo infatti seduta all'Ars alle ore
17:00 e dovevamo fare in fretta. Ho accettato pertanto una prima ridotta somma
di 16 milioni, riservandomi di cercare nelle pieghe del bilancio le somme
necessarie a garantire serenità alle persone con disabilità gravissima e alle
loro famiglie. Dal momento che l'aula è stata rinviata a martedì prossimo,
ritengo che abbiamo tutto il tempo per modificare l'emendamento riportando la
somma da stanziare a non meno di 36milioni di euro.

So che potresti anche pensare che ci sono altre spese da affrontare, che lo
Stato ci chiede il contenimento della spesa – che io voglio rispettare – ma in
casi come questo i soldi vanno trovati, perchè per dirla con Rousseau, occorre
garantire il contratto sociale. Senza il rispetto di tale contratto, viene meno
anche lo stato di diritto. Lo stato di diritto, infatti, si regge anche sullo
stato sociale. Ti chiedo pertanto di riportare alle effettive necessità lo
stanziamento relativo al fondo regionale per la disabilità.
Attendo gli atti consequenziali.

Rosario Crocetta

Read more »

CROCETTA:”È MIA INTENZIONE LAVORARE PER UNIRE, NON PER DIVIDERE IL PD”

Sicilia. Crocetta:”Lavoro per unire, non per dividere”
Palermo, 23 feb. “Durante la conferenza stampa di venerdì scorso, quando ho presentato il movimento #RiparteSicilia, ho esordito dicendo che è mia intenzione lavorare per unire il PD e non per dividere e che sono contrario alle scissioni”. Con queste parole il governatore della Regione siciliana, Rosario Crocetta, risponde al deputato PD, Panepinto. Si è inaugurato a Palermo alle ore 17:00, con una conferenza stampa del presidente Rosario Crocetta, il primo circolo di #RiparteSicilia, in via Mariano Stabile 171. Una rete di movimenti che puntano alla difesa dell'autonomia e dell'identità siciliana, in termini democratici e progressisti. "Il movimento non vuole essere un altro partito, - dice Crocetta - ma qualcosa che parte dal basso con un concetto di democrazia fortemente partecipata e decentrata".
Le linee esplicative del movimento saranno illustrate domani.

Read more »

PRECARI, SCILIPOTI (FI): “NON SI ILLUDANO I LAVORATORI SICILIANI, DA FARAONE SOLO ANNUNCI ELETTORALI”

24/02/2017 - “Ci dicano come e se sono stanziati i fondi per coprire la stabilizzazione dei 20 mila precari siciliani, ci dicano con quale norma e con quale criterio. Finora abbiamo visto solo una bagarre a chi la spara più grossa tra annunci e slogan ma quelle famiglie aspettano ancora da vent’anni di veder riconosciuti i propri diritti lavorativi che gli sono stati negati. L’ok alla stabilizzazione dei precari dato dal Consiglio dei Ministri era stato annunciato dalla Boschi, oggi da Faraone, domani forse dallo stesso Crocetta. A queste famiglie però servono i fatti e non le promesse elettorali. Quelli del Pd stanno provando in tutti i modi a rifarsi una verginità politica ma la parentesi di Crocetta è durata fin troppo e ha lasciato solo macerie ai siciliani.”

Lo ha dichiarato il Senatore Domenico Scilipoti Isgrò di Forza Italia, commentando le frasi del renziano sottosegretario Davide Faraone di ieri, riprese dalla stampa regionale.

Read more »

CROCETTA: “SMENTISCO CATEGORICAMENTE LA ROTTURA CON D'ALIA E I CENTRISTI PER L'EUROPA”

Palermo, 23 feb. 2017 - “In merito all'articolo di Repubblica, titolato < centristi per un governo"di leali", voglio precisare che quel titolo non mi appartiene, non riguarda assolutamente i Centristi per l'Europa, con i quali stiamo discutendo sulla nomina del nuovo assessore”. Lo dice in una nota il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. “Tra l'altro, tale
formazione politica, ha sempre sostenuto con chiarezza di stare nel centro-sinistra e pertanto qualsiasi verifica sulla maggioranza, non è rivolta ad essa. Confermo di avere sempre avuto un rapporto molto leale con D'Alia. Detto
ciò, una verifica complessiva penso vada fatta, per accertare – continua Crocetta - chi alle prossime elezioni sarà nel progetto del centro-sinistra in
Sicilia. Risulteremmo illeggibili tutti quanti se, alle soglie delle elezioni, tale coalizione si sfaldasse. Quando parlo del governo dei leali, ne parlo in termini di condivisione del progetto politico. Chi sta con noi adesso, è chiaro che dovrà stare anche nel nuovo progetto di governo. Chiedo scusa a D'Alia, se qualcuno può aver interpretato le mie dichiarazioni, non rivolte a lui e al suo partito, in termini di un conflitto politico del presidente nei suoi confronti. È assolutamente falso – conclude Crocetta”.

Read more »

PIF DIFENDE I DISABILI: “HANNO TOLTO RISORSE VITALI ALLA SICILIA, COME IL SUO AMICO RENZI?”

22/02/2017 - Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, classe 1972, conduttore televisivo, regista e attore palermitano ieri mattina mattina, alle 11, ha capeggiato in piazza Indipendenza a Palermo, una manifestazione in favore dei diritti dei disabili "e per difenderci dai politici come Gianluca Miccichè", ha affermato lo stesso Pif. Le Iene, nella puntata in onda il 19 febbraio hanno messo in onda il servizio che mostra l’assessore al Lavoro e alle Politiche sociali della Regione Sicilia Gianluca Miccichè in visita nell'abitazione dei due fratelli disabili palermitani Alessio e Gianluca Pellegrino, affetti da tetraparesi spastica. Di seguito sono state rassegnate le “dimissioni irrevocabili“ da parte dello stesso assessore Miccichè.

Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, ha accolto le dimissioni: “In data odierna l'assessore Gianluca Miccichè mi ha consegnato un nota con le sue irrevocabili dimissioni come atto di responsabilità a tutela delle istituzioni regionali, che pertanto ho accolto".
Il M5S all’Ars aveva più volte chiesto all’assessore alla Famiglia, politiche sociali e lavoro di rimettere immediatamente il mandato dopo l’ ennesima magra figura a risonanza nazionale.

E sulla pagina FB di Pif, Massimo Costa scrive all'indirizzo del regista palermitano: "Bravino PIF, ma - visto che si tratta essenzialmente di fondi previsti da una legge statale non trasferiti alla Regione - che quindi a sua volta non può trasferirli ai comuni, dimostrerebbe la stessa verve contro Renzi (che questo disagio in ultimo ha causato) o contro Gentiloni (che lo perpetua), oppure la sua indignazione e le sue urla si fermano alle marionette di Palermo, perché così fa comodo alle stesse persone che hanno tolto risorse vitali alla Sicilia, come il suo amico Renzi? Se ha un argomento, risponda in modo circostanziato, per favore, lo faccia per quelle che persone che altrimenti sarebbero soltanto ingannate, anche da lei naturalmente. Se non ha argomenti, invece, taccia e non usi il disagio dei Siciliani, causato dal "suo" governo italiano, per fare propaganda elettorale. Gli invalidi non meritano questo inganno atroce".

Concetta Tirone: "Grande Pif!!!! oggi hai dimostrato di essere una grande persona perché hai deciso di dare voce ai disabili ( che quasi sempre rimangono in silenzio in un angolo in attesa di risposte che non arriveranno mai)".

E sulla pagina FB del presidente Crocetta, Giusy D'Anna scrive: "Beh penso che la coerenza non sia mai troppa....anzi in questo caso non ci sia per nulla da parte sua Signor Presidente. Leggendo le sue parole , lei parla (da quanto riportano i giornali) di "atto di responsabilità a tutela delle istituzioni regionali". bah...rimango perplessa! se non sbaglio giusto due settimane fa quando è scoppiato il caso Miccichè, la stessa sera è stato proposto un servizio che lo riguardava (si ricorderà la fatidica domanda: " 58 è maggiore di 50?") ed è in quell'occasione che ha dimostrato ancora una volta come nel tempo abbia del tutto perso quel senso di legalità con cui si presentò quel lontano 2012. Erano solo parole? voglio sperare di no, ma così a malincuore dico che sembra essere oggi! In questa occasione così come in altre in cui l'ho ascoltata in tv mi sono ritrovata a rendermi conto di avere un Presidente che si è adeguato, ne più ne meno, alla media politica italiana, non operando quel tentativo di cambiamento di cui la Sicilia (ma soprattutto noi giovani siciliani) tanto desideriamo e necessitiamo. Certamente operare un cambiamento nella Nostra terra non è per nulla semplice. è un cambiamento per cui tutta la gente è chiamata a muoversi ma in primis le forze di governo, cui lei rappresenta e che sta alla base di un rapporto di fiducia (quella che io le diedi 5 anni fa quando avevo anche solo 22 anni) . è INAMMISSIBILE dover constatare e vedere come chi è chiamato in prima linea a realizzare questo cambiamento, faccia gli stessi giochetti di chi vuole sovrastarci, o forse è più corretto dire "non faccia ciò che può fare, lì dove può agire", non altro...supportando il male della nostra terra, non noi! Signor Presidente, si renderà conto che....se certi atti decisi e chiari contro questo sistema non li fa lei (e chi come lei), chi deve farli? o meglio ancora...chi può farli?? ....si prenda qualche momento per riflettere...è magari pensi a compiere qualche atto di responsabilità a tutela dei siciliani onesti. Grazie".

Read more »

MICCICHE' SI DIMETTE E DICE AI RAGAZZI: " ... AIUTATEMI A RESTARE..."

Le Iene, nella puntata in onda il 19 febbraio hanno messo in onda il servizio che mostra l’assessore al Lavoro e alle Politiche sociali della Regione Sicilia Gianluca Miccichè in visita nell'abitazione dei due fratelli disabili palermitani Alessio e Gianluca Pellegrino, affetti da tetraparesi spastica. Di seguito sono state rassegnate le “dimissioni irrevocabili“ da parte dello stesso assessore Miccichè. "La situazione non mi consente di continuare con serenità il mio lavoro, pertanto e per tutelare la dignità delle istituzioni ho deciso di rassegnare le mie dimissioni al presidente della Regione Crocetta”. Così scrive in una nota Gianluca Miccichè. E il pressidente Rosario Crocetta ha accolto le dimissioni, assumendo l’interim "per evitare la vacatio amministrativa”.

Palermo, 20 feb. 2017 - “In data odierna l'assessore Gianluca Miccichè mi ha consegnato un nota con le sue irrevocabili dimissioni come atto di responsabilità a tutela delle istituzioni regionali, che pertanto ho accolto. Ho già avviato l'interlocuzione con i Centristi per l'Europa per trovare insieme una rapida soluzione, confermando la solidità del rapporto con questa area politica. Sin da oggi ho assunto l'interim per evitare la vacatio amministrativa”. E' quanto dichiara il presidente Crocetta a seguito delle dimissioni dell'assessore Miccichè.

Il M5S all’Ars torna a chiedere all’assessore alla Famiglia, politiche sociali e lavoro di rimettere immediatamente il mandato dopo l’ ennesima magra figura a risonanza nazionale. Cancelleri: “Faccia la prima cosa degna di nota del suo mandato, se ne vada. E ci aspettiamo che lo faccia in giornata. Il presidente della Regione, come suo costume, non si giri dall’altra parte. Anche il partito di Miccichè pressi per le dimissioni”.

“Ci aspettiamo che dopo l’ennesima magrissima figura su scala nazionale Miccichè abbia un rigurgito d’orgoglio e faccia la prima cosa degna di nota del suo mandato: tolga il disturbo. E ci aspettiamo che lo faccia in giornata. L’assessore specializzato nel far attendere, questa volta vada controcorrente: non faccia attendere un minuto di più, scriva subito le dimissioni. I siciliani glene saranno riconoscenti”.

Il M5S all’Ars torna a chiedere a gran voce le dimissioni dell’assessore alla Famiglia, Politiche sociali e Lavoro, dopo la nuova magra e meschina figura su scala nazionale rimediata dal rappresentate della Regione Siciliana, beccato dalla telecamere de le lene a piatire un aiuto dai due fratelli disabili che aveva lasciato per otto ore in attesa.

“Ancora una volta – dice il deputato Giancarlo Cancelleri – per causa sua mi sono vergognato di essere siciliano. Altro che chiedere scusa, Micchichè si è mosso solo per cercare di difendere la sua vacillante poltrona, travolta, giustamente da una valanga di polemiche dopo il vergognoso comportamento nei confronti dei due fratelli. Se veramente avesse voluto chiedere scusa lo avrebbe fatto all’indomani della loro visita in assessorato e non solo quando è scoppiato il putiferio”.

Cancelleri e il M5S chiedono anche l’intervento di Crocetta e dei Centristi per la Sicilia sulla vicenda.

“Il presidente della Regione e il partito di Miccichè pressino per le dimissioni. Se queste non dovessero arrivare, sia il governatore ad intervenire, ritirando le deleghe all’assessore. Non si giri, come suo costume, dall’altra parte, come fa da mesi per la vicenda Monterosso”.
Dal blog di Beppe Grillo:
Fabio Ciottoli, Pistoia: "QUESTO MICCICHE' HA CHIESTO AI RAGAZZI DI AIUTARLO A FARE QUELLO CHE NELLA SUA VITA PENTITA NON HA MAI AVUTO IL CORAGGIO DI FARE! A FINE DEL VIDEO CHIEDE E IMPLORA I RAGAZZI: " ....VOI MI DOVETE AIUTARE A FARMI ARRESTARE...."
QUESTO ASSESSORE STA VIVENDO UN DRAMMA AL PARI DI QUELLO DI UN PEDOFILO INCURABILE CHE IMPLORA L'ARRESTO A VITA IN ALTERNATIVA DELLA CASTRAZIONE CHIMICA!

Aldo B.: "Ho visto il servizio ieri sera. Non ci sono parole per commentare la pochezza dell'essere...Non sapevo se ridere o piangere,sembrava una scena comica di quelle che si possono vedere nelle tv locali. Comunque, un plauso ai due fratelli per il loro spirito e la loro forza. Miccichè,guarda loro poi guarda il tuo video e poi vedi tu cosa devi fare. Io un idea ce l'avrei".

Giancarlo Cancelleri, Portavoce all'A.R.S. del M5Stelle, Presidente del gruppo parlamentare e Componente Commissione II Bilancio e Programmazione ha detto: "Se ci fosse un premio per la figura di merda dell'anno lo vincerebbe a occhi chiusi Gianluca Miccichè. Ma è così bravo che arriverebbe pure secondo. Il nostro campione, non pago della figuraccia della scorsa settimana, ha bissato (con grande abilità devo ammettere) anche stasera, riuscendo a rimediarne un'altra persino peggiore. (QUI IL VIDEO) È riuscito a trasformare, quelle che dovevano essere delle semplici scuse, in un capolavoro di ignobiltà. Non solo le scuse sono sembrate finte e non sentite ma ha pure tentato di "negoziare" l'aiuto che deve ai ragazzi con il proseguimento del suo incarico. Una sorta di "Aiutatemi a rimanere assessore che io aiuto voi". Una cosa riprovevole. Disgustosa. E ampiamente documentata dal video che hanno girato i ragazzi vittime di questo ennesimo affronto.

Ps. Spero che avrà la decenza di dimettersi domattina all'alba, perché sarà la cosa che chiederemo, tutti i giorni, fino a quando non la otterremo".

Read more »

BETALAND VINCE IN CASA DELLA RED OCTOBER CANTÙ 73-79

La Betaland Capo d’Orlando vince in casa della Red October Cantù 73-79 dopo aver condotto per tutto l’incontro ed esser stata avanti anche di 25 punti. Grande dimostrazione di compattezza del gruppo di Di Carlo che manda 4 uomini in doppia cifra e 8 a referto. Gara da due volti in cui la Betaland ha maturato grande vantaggio nei primi due quarti ed ha poi amministrato lo stesso nei restanti due, subendo però il rientro dei padroni di casa.

26/02/2017 - I primi quattro punti del match sono di Ianuzzi, che porta la Betaland sullo 0-4 in avvio, Calathes accorcia, ma Stojanovic trova un'autostrada nella difesa di casa e Pilepic e Dowdell trovano l'unico vantaggio canturino della partita sul 7-6. Iannuzzi e la tripla di Stojanovic dall'angolo firmano il +4 Betaland (7-11 dopo 5'). Darden tiene attaccati i suoi, ma due incursioni di Stojanovic e l'arresto e tiro di Ivanovic dalla media portano Capo d'Orlando sul +8 (9-17 dopo 7'30''). Cantù torna a segnare con Pilepic, ma Perl e la bomba di Archie fanno volare i paladini sul +12, che chiude il primo quarto sul 11-23. La bomba di Archie in avvio di secondo quarto porta la Betaland sul +15 (11-26), Pilepic e l'inchiodata di Johnson provano a scuotere i padroni di casa, Archie è preciso dall'arco e capitan Callahan si prende le sue responsabilità e va ad appoggiare al vetro. Ma la Betaland difende forte e trova ottime soluzioni in attacco e mette a segno un break di 0-13 con Archie che mette la quarta tripla, quattro punti consecutivi di Delas, la bomba in transizione di Diener e il tiro dalla media di Tepic che portano la Betaland sul +25 (17-42 dopo 17').

Acker prova a caricarsi sulle spalle i suoi completando il gioco da tre punti, ma con il passaggio schiacciato di Archie per Delas la Betaland torna sul +25. Johnson inchioda e Ivanovic recupera palla a metà campo, lanciando Diener che appoggia in contropiede mandando le squadre negli spogliatoi sul 23-48. Iannuzzi apre il terzo quarto con il semigancio del +27 (23-50), ma con quattro punti consecutivi di Darden e la tripla di Pilepic Cantù mette a segno un parziale di 7-0 che la riporta sul -20 (30-50 dopo 22'). La Betaland pasticcia un po' in attacco, ma Stojanovic trova la tripla da 8 metri (30-53), ma arriva un altro parziale di 7-0 dei canturini, che stringono le maglie in difesa e con la tripla di Johnson, i tiri liberi di Dowdell e la schiacciata a una mano di Johnson si riportano a 16 lunghezze di distanza (37-53).

Iannuzzi, Stojanovic e Archie tengono la Betaland sul +20 (40-60 dopo 27'), ma con la tripla di Calathes e l'incursione di Darden sulla linea di fondo Cantù chiude il terzo quarto sul -13 (47-60). Parrillo e Dowdell dalla lunetta riportano la Red October sotto la doppia cifra di svantaggio, -9 (51-60 a 9' dal termine). La Betaland torna a segnare dopo 3 minuti dall'inizio dell'ultimo quarto con Tepic dalla lunetta, Pilepic mette la tripla del -8 (54-62 a 7' dalla fine), ancora Tepic serve Iannuzzi che trova il fondo della retina, Johnson la mette dalla media e Tepic dalla lunetta ritrova il la doppia cifra di distanza (56-66 a 5'30'' dalla fine). Ma cinque punti di fila di Calathes, che mette la tripla e appoggia il -5 (61-66 a 5' dal termine) fanno sentire il fiato sul collo ai paladini, che però rispondono con un break di 0-7 firmato Ivanovic, Stojanovic e la tripla di Archie che rimette 12 punti fra le due formazioni (61-73 a 3' dalla fine). Cantù prova l'ultimo colpo di reni con Pilepic e Dowdell tornando sul -6 (67-73), ma Tepic in transizione scrive la parola fine a una gara che si chiude con il punteggio di 73-79.


Coach Di Carlo: «Sotto un profilo emotivo ci tenevamo a ritornare a vincere dopo le due sconfitte, quella in casa contro Trento e la gara persa in coppa con Reggio. Sapevamo che sarebbe stata tosta e secondo me la chiave dei primi due quarti è stata la circolazione di palla. Siamo una squadra che se muove la palla sa essere pericolosa. Sicuramente nei successivi due periodi siamo stati meno bravi a far girare la palla e l’intensità difensiva di Cantù è salita notevolmente. Abbiamo consentito loro di prendere fiducia soprattutto in difesa e abbiamo rischiato di sprecare tutto. La squadra però ha tenuto i nervi saldi, ha mantenuto il controllo della gara. Una grossa mossa ce l’ha data Tepic, nei momenti chiave ha preso in mano il gruppo, ha fatto le tre giocate più importanti che ci hanno permesso di vincere. Per noi la vittoria oggi era fondamentale, stiamo inseguendo questo nostro sogno di poter entrare nei playoff. Crediamo di avere una gara competitiva e potercela giocare con le altre contendenti a questo obiettivo. Adesso ci tufferemo in una settimana molto importante per noi. Domenica l’incontro con Brescia potrebbe essere una gara spartiacque perché potrebbe incidere molto sul nostro cammino. Concludo facendo i complimenti ai nostri avversari, non era facile rientrare dal -25. Nei secondi due quarti hanno espresso grande carattere. Hanno dato tutto quello che avevano e sono rientrati in gara».



Red October Cantù – Betaland Capo d’Orlando 73-79 (11-23; 25-48; 47-60)
Red October Cantù: Acker 3, Cournooh 1, Barapapè ne, Parrillo 2, Pilepic 17, Calathes 11, Callahan 2, Darden 8, Dowdell 15, Quaglia ne, Johnson 14. All.: Bolshakov.
Betaland Capo d’Orlando: Tepic 10, Iannuzzi 12, Laquintana, Perl 2, Nicevic ne, Delas 6, Diener 5, Ivanovic 8, Archie 20, Stojanovic 16, Munafò ne, Carianni ne. All.: Di Carlo

Read more »

ALITALIA: NON VI SONO RITARDI CHE IMPEDISCONO AI LICENZIATI DI RICEVERE GLI AMMORTIZZATORI

Roma, 24 febbraio 2017 - In relazione alle dichiarazioni riportate dalle agenzia di stampa relative allo sciopero Alitalia del 23 febbraio, l’Istituto tiene a sottolineare di essere come sempre attento alle problematiche sollevate dai lavoratori e al monitoraggio puntuale delle situazioni di crisi.
Si ricorda che spesso i lavoratori che chiedono prestazioni previste dalle norme sui Fondi di solidarietà dipendono da aziende in difficoltà, non in regola col pagamento dei contributi e per questo con un  DURC negativo; in questi casi i lavoratori non possono, sino alla regolarizzazione, ricevere le loro prestazioni di sostegno al reddito.
Nel caso dell’Alitalia non vi sono lungaggini o ritardi che impediscono ai lavoratori licenziati di ricevere gli ammortizzatori previsti, ma una situazione complessa che deve trovare una appropriata soluzione.

Read more »

TORTORICI, LA VERITÀ SUI TENTATIVI DI REPERIMENTO DI UNA SEDE PER L’ISTITUTO TECNICO

La verità sui tentativi di reperimento di una sede per l'I.T.E. di Tortorici. Le recenti notizie di stampa sulla chiusura della sezione staccata di Tortorici dell’Istituto Tecnico Statale Economico e Tecnologico “Giuseppe Tomasi di Lampedusa” di Sant’Agata di Militello ed il comprensibile allarme che ne deriva, impongono un chiarimento in merito ai fatti.

Messina, 24/02/2017 - Negli scorsi anni, di fronte all'esorbitante costo della sede dell'Istituto oricense (86.500 euro annui per una media di 50 studenti), Palazzo dei Leoni ha proposto alcune soluzioni più economiche, anche attraverso esplicita istanza al Comune di Tortorici; tutte le ipotesi sono state vanificate da opposizioni di vario genere. Nel 2013 l'ex Provincia ha chiesto alla locale scuola media di concedere i pochi locali necessari per due o tre classi (al massimo cinque); quel Consiglio d'istituto aveva espresso parere positivo con una generosità che gli fa onore. Tuttavia il sindaco di Tortorici, dott. Carmelo Rizzo Nervo, aveva diffidato la scuola media dal concedere alla Città Metropolitana di Messina gli spazi a disposizione; tra le motivazioni addotte a suo tempo risultava esserci quella che “la permanenza della locazione costituiva un contributo per la situazione socio-culturale di Tortorici e dell'intera zona, laddove decisioni contrarie sarebbero state penalizzanti” (testualmente tratto dalla nota sindacale). Non si può tacere che oggi quegli stessi locali ospitano le classi della scuola elementare, interessata da lavori di ristrutturazione, cioè per una esigenza fortunatamente temporanea.

Successivamente si è inutilmente tentata la via di una transazione e di un nuovo accordo con la proprietà, tenendo presente che il valore della locazione secondo i canoni dell'Osservatorio OMI ammonta a 12.500 euro annui (alla ditta ne sono stati offerti 15.000).
Visto l'insuccesso del tentativo di accordo si sono pubblicati due successivi bandi di reperimento immobili, il primo dei quali non è stato pubblicato all'Albo Pretorio comunale come richiesto dall'ex Provincia. Anche il secondo, tuttavia, è andato deserto.

È seguita una denuncia penale sulla quale sono stati successivamente acquisiti atti e fascicoli presso gli uffici. Palazzo dei Leoni ha quindi cercato di valutare l'utilizzabilità dell'unica proprietà inmobiliare provinciale presente su quel territorio comunale: una casa cantoniera che, però, è stata valutata inidonea. Va detto, in merito, che nel frattempo le sezioni staccate di altri comuni venivano ospitate gratuitamente in immobili di proprietà comunale (Brolo e Naso, le cui Amministrazioni comunali meritano un plauso per la grande disponibilità in una fase storica di gravissima crisi finanziaria delle ex Province).

Con riferimento all'ultima nota del sindaco di Tortorici del 6 febbraio 2017, la Città Metropolitana di Messina ritiene doveroso puntualizzare che non corrisponde al vero l'affermazione che presso la sede di S.Agata di Militello non vi sia spazio per i pochi alunni frequentanti l’Istituto di Tortorici.
Il plesso santagatese ha una superficie complessiva di 6.109,00 metri quadrati, quindi di oltre 1000 metri quadrati maggiore di quella prevista dalla vigente normativa ministeriale (tab.12 D.M.18/12/1975), calcolata per 650 alunni, compresi i 55 di Tortorici; tale disponibilità, pertanto, consente la completa allocazione di entrambi gli Istituti nel medesimo stabile, sede oggi del solo Istituto Tecnico di S.Agata di Militello.

Per ciò che riguarda la rappresentazione distorta della realtà sostenuta dal sindaco di Tortorici sul canone corrisposto per l'immobile ospitante l'Istituto “Giuseppe Tomasi di Lampedusa” di Sant'Agata di Militello, si evidenzia che la spesa annua di 610.000 euro non è riferita all'affitto di una superficie di poco più di 1.000 metri quadrati bensì ad una superficie di 6.109,00 metri quadrati per cui è illogico il confronto tra il suddetto canone con quello corrisposto per l'affitto dell'immobile oricense dove si paga un canone di 85.209,00 euro per poco più di 1.000 metri quadrati.
L'importo unitario €/mq fin qui versato è di 5,91 al mese mentre, sulla base della quotazione immobiliare attuale dell'Agenzia delle Entrate, per la locazione di immobili residenziali al centro di Tortorici l'importo medio previsto €/mq è di 1,50.

Quanto alla proposta di offrire gratuitamente lo stabile oricense, va detto che i proprietari hanno dimostrato solo ultimamente, cioè da quando questo Ente ha assunto la sofferta decisione di chiedere ai soggetti istituzionalmente competenti il trasferimento dell’Istituto Tecnico Economico di Tortorici presso l’I.T.E.T. di S. Agata Militello, la loro disponibilità nei confronti, non tanto di Palazzo dei Leoni, quanto degli studenti di Tortorici. Ancora sulla sede di Sant'Agata di Militello si deve ricordare che la Città Metropolitana di Messina continua a mantenere l'affitto dell’immobile in cui ha sede l’I.T.E.T. “Giuseppe Tomasi di Lampedusa” in quanto il plesso scolastico era stato assunto in locazione con l'esplicita riserva del diritto di esercitare l’opzione per l’acquisto.

Sull'opzione di riscatto, pur essendo stata espressa dall’allora Consiglio Provinciale nell’ultimo giorno utile, l’impresa proprietaria CO.CI.B. ha ritenuto non tempestivamente espressa la volontà acquisitiva del Consiglio in quanto ha sostenuto che la deliberazione n. 183 del 2 dicembre 2007 non fosse stata notificata per tempo. Dalla querelle è sorto un articolato giudizio che, allo stato attuale, è pendente innanzi alla Corte d’Appello di Messina. E in ogni caso sono in corso ricerche di altre soluzioni più economiche per l'Istituto santagatese, così come si è fatto negli ultimi tre anni per altre situazioni simili con una politica efficace di risparmi che ha permesso di ridurre il costo dei fitti passivi per l'edilizia scolastica di Palazzo dei Leoni dai 3,6 milioni di euro del 2012 agli attuali 1,5 milioni (si ricordi anche solo che l'ex Provveditorato agli Studi e fra poco la sede secondaria del Liceo "Seguenza" sono ospitati in un immobile fino a oggi destinato ad uffici).

Read more »

1° HISTORIC RALLY CEFALÙ: TUTTO PRONTO PER LE AUTOSTORICHE 11 E 12 MARZO, ADESIONI A PIENO REGIME

 Adesioni a pieno regime al 1° Historic Rally Cefalù Corse. Schede di iscrizione on line e appuntamento pronto per le autostoriche alla gara del 11 e 12 marzo. Molte le conferme anche tra le auto moderne

Cefalù (Pa), 26 febbraio 2017 - Proseguono a pieno regime le iscrizioni al 1° Rally Cefalù Corse e 1° Historic Rally Cefalù Corse. Due gare in unico Rally Day l'11 e 12 marzo organizzato da A.S.D. Karting Triscina e Cefalù Corse. La gara per le auto auto moderne e la competizione di cui saranno protagoniste le autostoriche, delle quali è favorita la partecipazione dopo l'apertura a tutte le categorie di vetture degli anni passati, appena varata dalla Giunta Sportiva ACI. Continuano ad arrivare le adesioni ad entrambe le gare, mentre si sono rese disponibili on line le schede d'iscrizione per le autostoriche nell'apposita sessione del sito www.cefalucorse.it . Le iscrizioni si chiuderanno lunedì 6 marzo.
Il programma di gara entrerà nel vivo sabato 11 marzo, quando nella mattinata dalle 9 alle 13 gli equipaggi potranno effettuare le ricognizioni del percorso, esclusivamente con vetture stradali e sotto il rigido controllo degli ufficiali di gara, nel pieno rispetto delle norme del codice della strada. Dalle 14.30 alle 19 si svolgeranno le verifiche tecniche e sportive presso l'Hotel il Pescatore, in via Dietro Castello.

Partenza alle 8.30 di domenica 12 marzo dallo splendido Lungomare Giuseppe Giardina di Cefalù, alla volta di due leggendarie prove speciali: "Campella" da 5,20 Km e "Ferla" da 6,80 Km, entrambe da percorrere tre volte, per un totale di 36 Km cronometrati, su un percorso totale di 116,35 Km. Il traguardo sarà alle 16.30, ancora nella cornice del Lungomare cefaludese. Il centro servizi della gara sarà situato presso l'Hotel Riva del Sole, sul lungomare della perla della cittadina normanna patrimonio UNESCO.




Read more »